Mercoledì

Turbolenze in bassa quota e Storie umane – Mercoledì 31 Gennaio

Nuova settimana, nuovo mercoledì (l’ultimo di gennaio) ma noi di [!N]Difference ci siamo e, come di consueto, l’appuntamento è stato al McDonald’s di Piazza Duomo alle ore 20 per incamminarci assieme in Corso Vittorio Emanuele per salutare i nostri amici.

La serata è iniziata subito con quello che definiremmo “turbolenze a bassa quota” perché due nostri amici, a seguito di un diverbio avuto la mattina, hanno iniziato a litigare e sono dovute intervenire le forze dell’ordine per tranquillizzarli. Purtroppo ci siamo resi conto che, alcune volte, alcuni nostri amici si scaldano velocemente per piccoli screzi a causa di una frustrazione e un’amarezza interna che sviluppano a causa della loro situazione e dell’indifferenza delle persone.

Dopo questo piccolo qui-pro-quo durato non molto, siamo stati a chiacchierare con l’Artigiano e con il Poeta. Entrambi li abbiamo trovati molto sereni: uno per i vari braccialetti che aveva venduto in settimana e l’altro per la TV che aveva da poco ricevuto a casa da alcuni volontari e che sta utilizzando molto. Con l’Artigiano, poi, siamo andati a bere un caffè accompagnato da un cioccolatino, un bacio perugina. Lui ama molto questi cioccolatini e quando possiamo, troviamo la scusa migliore per portargliene un paio per gustarli insieme e leggere le frasi contenute all’interno. Amiamo un sacco questi piccoli gesti, perché, seppur semplici, ci legano molto a loro e li facciamo sentire parte del nostro universo.

Abbiamo proseguito la serata con il Cantante e il Pizzaiolo. Ognuno di loro ha voluto aprirsi nuovamente a noi raccontandoci qualche particolare della propria vita. Dal matrimonio giovanile del Cantante finito, purtroppo, molto male a seguito della prematura scomparsa della moglie e del bambino che aspettavano a causa di un incidente d’auto alle cause di licenziamento del Pizzaiolo che, a seguito di alcuni malintesi con il proprio responsabile, si è ritrovato senza lavoro dalla sera alla mattina ed è stato costretto a una situazione di povertà. Per fortuna, però, a fianco a queste storie tristi abbiamo notato la ripresa dei loro sorrisi quando abbiamo spostato i discorsi sul loro presente e futuro. Nel primo caso accompagnando il Cantante a prendere il thè dai militari e spronandolo a tornare a suonare e cantare, nel secondo caso parlando con il Pizzaiolo della casa in cui andrà da lì a breve e che cambierà la sua vita perché potrà ospitare, in modo fisso, la sua compagna e suo nipote.

La nostra serata si è poi conclusa con l’Infermiera e Bacco; lei ci ha raccontato di un senzatetto che la importuna un po’ e che la porta a essere un po’ preoccupata. Fortunatamente in questo discorso si è introdotto il nostro Bacco, che tra un sorseggio di vino e l’altro, le ha promesso di proteggerla sempre in strada e che non permetterà a nessuno di farla star male o preoccupare finché ci sarà lui.

Come vedete le nostre serate sono sempre ricche di storie umane, di emozioni e di esempi concreti di amicizie che si possono sviluppare ovunque, indipendentemente dal luogo in cui si vive in un determinato periodo.

Resoconto di Carlotta



Leave a Reply

Pubblicato il: 5 Febbraio 2018 alle 10:33 am