Blog Listing

Qual è l’aspetto che più ferisce dell’essere un senzatetto?

Ciao a tutti,

vogliamo condividere con voi lettori quest’articolo interessante su come vivano i senzatetto e su cosa possa aiutarli veramente a riprendere in mano le redini della propria vita.

L’articolo racconta la densa storia di una vita per strada (25 anni) dove il soggetto è un ex clochard australiano di nome Gregory P. Smith che dopo essere scappato dalla strada per andare nella foresta pluviale a “nascondersi dalla vergona e dall’auto-disgusto” è riuscito a ri-inserirsi nella società. Il signor Smith si mette a nudo facendo emergere come l’aspetto che più ferisce dell’essere un senzatetto sia l’indifferenza mostrata dalle persone e il sentimento di emarginazione che cresce dentro sé stessi.

L’essere trasparenti, o come dice il signor Smith, “sembrare persone fatte di vetro” è devastante e porta a una lenta alienazione della propria individualità come essere umano. La perdita di una casa, inoltre, è un altro elemento fondamentale che destabilizza l’individuo e lo porta all’esclusione sociale definitiva.



Leave a Reply

Pubblicato il: 10 Ottobre 2018 alle 3:53 pm