Mercoledì

La bellezza della loro diversità – Mercoledì 3 gennaio

Le prime giornate di ogni nuovo anno sono sempre ricche di pensieri e di buoni propositi da realizzare.  C’è chi sceglie di condividerne i propri con noi, in questa prima serata [!N]Difference del 2018. Quello che poi fremono tutti di raccontarci, è di come hanno trascorso la sera dell’ultimo dell’anno!

C’è chi, come il Pugile, l’Artigiano e D’Artagnan non ha lasciato la propria postazione nemmeno nella notte di San Silvestro, ma ci assicura di aver ascoltato il Concerto di Capodanno di piazza del Duomo anche se, come ironizza D’Artagnagn “Non ci è stato offerto nemmeno un bicchiere di Champagne!”.
C’è invece chi ha avuto l’opportunità di allontanarsi almeno per qualche tempo dal proprio giaciglio, come l’Infermiera che ci racconta emozionata di aver trascorso gli ultimi giorni dell’anno in albergo in compagnia di suo figlio accorso in città per l’occasione, o del Broker che allude con un sorriso malizioso alla sua serata in compagnia femminile, o ancora al Sagace che con il suo sguardo furbo fa accenno a un Capodanno forse un po’ oltre le righe trascorso in compagnia di vecchi amici.

Il Cuoco, amico ventennale del Sagace ma dal quale non potrebbe essere più diverso, ci spiega invece di aver passato l’ultimo dell’anno a lavorare come lavapiatti nel ristorante in cui viene chiamato saltuariamente a dare una mano.
Davanti a noi tanti amici, che bardati di colorati cappelli di lana e di grosse sciarpe al collo ci raccontano sorridenti di Capodanni che, per scelta o per obbligo, non potrebbero essere più diversi tra loro.

La verità, in fondo, è che la bellezza della loro diversità si manifesta in ogni singola sfaccettatura della loro persona, dal loro modo di ridere e ironizzare, di raccontarci la loro quotidianità o di confidarci le loro considerazioni riguardanti la loro condizione attuale…l’enorme e forse unico denominatore che invece li accomuna.
Il nostro buon proposito per il nuovo anno? sicuramente va a loro, nella speranza che questo 2018 possa il qualche modo rappresentare quella svolta che tutti, ognuno a suo modo, attendono da tanto, troppo tempo.



Leave a Reply

Pubblicato il: 8 Gennaio 2018 alle 7:17 pm