VOLTI

Il Sagace

In un primo momento il Sagace può forse apparire un uomo duro, schivo e a tratti scontroso. Se gli si lascia l’opportunità e il tempo per imparare a conoscerti e a farsi conoscere, contraccambia però rivelandoti la sua vera identità, mostrandoti anche quel suo lato affettuoso più difficile da condividere.

Il Sagace è originario di Taranto, o meglio dell’unica città italiana con un ponte costituito da due bracci che all’occorrenza si schiudono, come ripete orgoglioso ogniqualvolta gli si chiede la sua origine.

A causa di diversi errori compiuti in gioventù, ha passato diversi anni in quello che suole definire l’”Albergo”, esperienza che ha sicuramente contribuito a temprare il suo animo. La detenzione è però solo uno dei tanti episodi forti che hanno caratterizzato la sua vita, tra cui un brutto incidente d’auto in cui ha perso una gamba e soprattutto l’esperienza della vita in strada.

Il Sagace oggi, però, dorme in un appartamento a Sud di Milano, anche se il costo dell’affitto aggiunto alle piccole spese quotidiane spesso gli impedisce di arrivare a fine mese con tranquillità. Passa dunque parte delle sue serate in strada, dove può cenare gratuitamente e soprattutto passare una serata in compagnia, tra risate e talvolta polemiche -data la particolarità del suo carattere- che però, se lo si impara a conoscere, si trasformano facilmente in altre risate.

Il Sagace è un uomo orgoglioso della risalita che ha compiuto, e ripete che tutto ciò sarebbe stato impossibile se lui non avesse scelto di prendere in mano la sua vita con spirito di sacrificio, con una fortissima forza di volontà e con l’umiltà di farsi aiutare dagli assistenti sociali. Queste ragioni, spesso, lo portano a scontrarsi con altri senzatetto, criticati per il loro atteggiamento troppo arrendevole e vittimistico.

Accanito fumatore, il Sagace ha la passione per i piccoli lavori manuali. Noi abbiamo scelto di regalargli tutto l’occorrente per fabbricare degli originali posacenere, che oggi vende ad amici e passanti. Abbiamo imparato da lui che il necessario per la loro creazione è davvero poco: mollette, l’alluminio dei cartoni dei succhi di frutta e naturalmente la colla. Più impegnativa risulta invece la loro creazione ma a questo ci pensa il Sagace, e possiamo assicurarvi che gli riesce proprio bene!

 

Per motivi di privacy e sicurezza nei testi vengono riportati solo nomi di fantasia.



Leave a Reply

Pubblicato il: 16 Luglio 2017 alle 5:03 pm