Mercoledì

Il Razionale si racconta

“Credo di aver avuto le più belle soddisfazioni della mia vita chiedendo l’elemosina. Forse è perché sono sempre vestito in modo corretto, sempre pantaloni e camicia stirati, forse sarà l’età, forse perché si vede che sono pacifico e innocuo, non so, ma ho incontrato tanta gente che si è fermata a parlare con me, che mi chiede come sono finito lì, che mi stringe la mano, che mi abbraccia.

[…] Ho conosciuto molta gente stando per strada, intendo dire gente “normale”, persone che lavorano, hanno una casa, una famiglia e che si sono avvicinati a me e con le quali ho scambiato due parole, senza altri scopi. Mi piace incontrare gente “normale”, come ero io fino a qualche anno fa. E molti ragazzi e ragazze. I giovani sono ancora generosi.

[…] Un giorno una ragazza, avrà avuto sedici ani, era lì con il suo ragazzo, aveva una coppetta di gelato in mano. Mi ha chiesto se avevo voglia di un gelato e le ho detto, un po’ scherzando, che sì, che lo stavo proprio sognando. Me l’ha dato, mi ha chiesto se poteva abbracciarmi, e poi è scoppiata a piangere.

Le cose più belle le ho avute dai bambini. Vengono lì, ti lasciano qualcosa, ti chiedono come ti chiami, ti portano i biscotti, ti sorridono. Ti salutano con la manina e se li rincontri a passeggio, hanno una sensibilità unica. Loro hanno ancora fiducia in questa vita.”

Testimonianza de Il Razionale tratta da Una Storia Sbagliata. Donne e uomini che sono caduti e si sono rialzati.



Leave a Reply

Pubblicato il: 29 Ottobre 2018 alle 7:52 am